dieta chetogenica

Cos'è una dieta chetogenica?

Diete chetogeniche o cheto, diete ad alto o basso contenuto di carboidrati, tutti questi nomi si riferiscono alla stessa dieta che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni. Viene utilizzato non solo per la perdita di peso, ma anche per combattere alcune malattie. Che cos'è una dieta keto, cosa si può e non si può mangiare, quali sono le sue controindicazioni? Troverai la risposta a queste e ad altre domande in questo articolo.

Polo FitUFO

1. Che cos'è una dieta chetogenica

I nomi alternativi sopra menzionati, ovvero diete ricche di grassi o povere di carboidrati, dicono molto su ciò che caratterizza una dieta chetogenica. Cosa significa esattamente? Le informazioni dietetiche sono in qualche modo contrarie ai moderni standard nutrizionali, perché le proporzioni dei nutrienti - grassi, carboidrati e proteine ​​- differiscono da quelle normalmente raccomandate.

Generalmente i carboidrati (45-65% dell'energia) sono in cima alla lista dei nutrienti, seguiti dai grassi (15-30% dell'energia) e infine le proteine ​​(10-20% dell'energia o 15-20% dell'energia per quelli con più di 65 anni). Con una dieta chetogenica, il rapporto tra grassi e carboidrati è 3-4:1. Le riserve di carboidrati sono meno del 10% del fabbisogno giornaliero (meno di 50 g al giorno).

C'è un paradosso nella dieta cheto, perché un maggiore apporto di grassi mira a bruciarli più intensamente. Com'è possibile?

2. Che cos'è la chetosi e i corpi chetonici?

Una spiegazione di come funziona una dieta ricca di grassi dovrebbe iniziare con il glucosio, il principale carburante che dà energia a una persona. Dopo aver mangiato lo zucchero, parte di esso viene immediatamente assorbito dalle cellule e il resto si deposita come glicogeno nei muscoli e nel fegato. L'eccesso di glucosio, a sua volta, si trasforma in grasso. Il glicogeno viene immagazzinato come riserva di energia per il corpo poiché rilascia glucosio secondo necessità.

Tuttavia, le riserve di glicogeno potrebbero esaurirsi, quindi la persona avrà fame. Se non lo soddisfi con il cibo, il corpo inizierà a produrre glucosio dai prodotti di degradazione di proteine, grassi e lattati. È qui che entra in gioco la dieta chetogenica, il cui obiettivo è produrre energia (o glucosio) non dagli zuccheri, ma dai grassi. Dopo alcuni giorni di tale passaggio ad altre fonti di glucosio, il metabolismo inizia a sintonizzarsi sull'uso di altre fonti di energia: corpi chetogenici o chetonici.

I corpi chetogenici sono un prodotto della combustione dei grassi nei centri energetici della cellula - i mitocondri. Durante la dieta chetogenica, la loro quantità nel corpo aumenta, che si chiama chetosi. Ciò significa uno stato in cui invece del glucosio, i corpi chetonici sono una fonte di energia, si verifica durante il digiuno. Il periodo di transizione a uno stato di chetosi è chiamato cheto adattamento.

Riassumendo, possiamo dire: a seguito di una significativa riduzione dell'apporto di carboidrati a favore dei grassi, il corpo “commuta” per ricevere energia da questi ultimi (anziché glucosio - zucchero), ovverosia. stato di chetosi.

3. Benefici della dieta keto

La dieta chetogenica può essere utilizzata come dieta dimagrante, ma sempre sotto la supervisione di un medico e nutrizionista. Ciò è giustificato dalle controindicazioni e dagli effetti collaterali associati a questa dieta, che saranno discussi nelle parti seguenti dell'articolo.

Altri alimenti consentiti includono, ad esempio, carne, uova, una quantità limitata di spezie, verdura e frutta a basso contenuto di carboidrati, bevande non zuccherate (acqua, tè , caffè ).

Leggings FitUFO

Tra i prodotti erboristici, vale la pena evidenziare l'olio MCT. Si riferisce agli acidi grassi a catena media che vengono assorbiti meglio perché vengono assorbiti direttamente nel flusso sanguigno dall'intestino. Inoltre, richiedono la metà dell'ossigeno per bruciare rispetto agli altri acidi grassi e anche la termogenesi è aumentata. Le persone perdono peso più velocemente e i loro allenamenti sono più efficaci.

5. Cosa non si può mangiare?

La dieta chetogenica esclude:

  • farina e prodotti a base di cereali (pane, avena, tortillas, pasta),
  • zucchero (dolci),
  • frutta ad alto contenuto di carbonio, alcune verdure (barbabietole, mais, patate, patate dolci, zucca),
  • bevande zuccherate (compreso l'alcol)
  • cibi leggeri e a basso contenuto di grassi.

Per un menù campione (soprattutto all'inizio della dieta) è meglio rivolgersi ad un nutrizionista.

Sebbene tutto ciò possa sembrare intimidatorio, la dieta chetogenica non significa necessariamente sacrificare molto. Oggi, proprio come con qualsiasi altra dieta, puoi trovare alimenti su misura per le esigenze della dieta keto. Questi includono:

  • Sostituti dello zucchero bianco come stevia, maltitolo, xilitolo o eritrolo. Possono essere usati esattamente allo stesso modo dello zucchero tradizionale: sono prodotti a zero calorie, quindi non interferiranno con il processo di ottenimento di energia dai corpi chetonici;
  • sostituti della farina tradizionale a base di frutta a guscio ricca di acidi grassi. Possono essere utilizzati, ad esempio (insieme all'eritritolo) per la cottura casalinga o per torte fritte e molti altri prodotti culinari;

Con una dieta chetogenica ci si può concedere anche la tipica dolcezza che appaga se si tratta di un prodotto adatto ad una dieta povera di zuccheri, cioè senza zucchero bianco.

La dieta chetogenica e il suo ruolo nella medicina moderna

La dieta chetogenica può essere prescritta da un medico per l'epilessia farmacoresistente a causa dei suoi effetti anticonvulsivanti. Tuttavia, deve essere adeguatamente integrato ed eseguito sotto la supervisione di uno specialista. Inoltre, quando lo si utilizza nei bambini, è particolarmente importante evitare la carenza di proteine.

T shirt FitUFO

I risultati promettenti della ricerca di medici che stanno ancora studiando gli effetti a lungo termine della dieta chetogenica sul corpo umano indicano anche malattie cardiovascolari, metaboliche, obesità, malattie mitocondriali e cancro come possibili aree di applicazione della dieta in terapia.

6. Effetti collaterali della dieta chetogenica

Nonostante i numerosi benefici della dieta chetogenica, è tutt'altro che perfetta. È necessario essere consapevoli del fatto che durante l'uso della dieta possono verificarsi:

  • beriberi (soprattutto del gruppo B e antiossidanti),
  • carenza di potassio, calcio, magnesio e altri minerali,
  • carenza di fibre consumate, che provoca stitichezza e disturbi dell'apparato digerente,
  • acidificazione della saliva e aumentata suscettibilità alla carie,
  • livelli elevati di colesterolo ,
  • ipoglicemia,
  • calcoli renali,
  • diminuzione dei livelli di serotonina,
  • aterosclerosi prematura,
  • dolori addominali, reflusso, vomito, flatulenza (questi sono spesso temporanei e sono il risultato di quella fase della dieta in cui il corpo si sta solo adattando ai cambiamenti metabolici).

Gli esempi sopra non terminano l'elenco degli effetti collaterali che sono esacerbati dalla dieta keto. Le persone che lo subiscono dovrebbero essere sotto la costante supervisione di un medico e di un nutrizionista allo stesso tempo, cioè controllare regolarmente la propria salute e condurre test biochimici.

7. Quando non puoi seguire una dieta chetogenica?

Una controindicazione all'uso della dieta chetogenica, tra le altre, è: insufficienza epatica. Il suo corretto funzionamento è essenziale per la produzione di corpi chetonici dai grassi. Anche la gravidanza, calcoli renali, diabete o disordini metabolici congeniti sono ostacoli. Pertanto, una dieta chetogenica dovrebbe essere sempre preceduta da una visita da un medico e da un nutrizionista.

8. Integratori nella dieta chetogenica

Quando passi a una dieta chetogenica, devi preparare il tuo corpo a grandi cambiamenti. Per fare ciò, il nutrizionista stabilisce regole dietetiche individuali che tengono conto del graduale passaggio da una fase all'altra. Questo processo può essere supportato con integratori progettati per le persone che seguono una dieta keto. Di solito è una miscela di sali minerali del beta-idrossibutirrato, che stimola un aumento dei livelli di chetoni nel sangue e aiuta a mantenere la chetosi, riduce la fame, aumenta le prestazioni e supporta il metabolismo dei carboidrati.

Come accennato in precedenza, le persone che seguono una dieta chetogenica sono anche a rischio di carenze vitaminiche e minerali, che possono essere facilmente integrate con integratori adeguati.

9.FAQ

9.1 Qual è la dieta chetogenica?

La dieta chetogenica (o dieta cheto) consiste nell'aumentare l'assunzione di grassi rispetto agli zuccheri per ottenere energia da loro invece del glucosio.

9.2 Dieta Keto: cosa mangiare e cosa non mangiare?

Le principali fonti di grassi in una dieta chetogenica sono oli vegetali, noci, pesce azzurro e frutti di mare. Tuttavia, dovresti evitare lo zucchero sotto forma di dolci, pasticcini e alcuni frutti, prodotti a base di grano (pane, pasta), amido (patate).

9.3. La dieta chetogenica è adatta a tutti?

No, quindi dovresti sempre consultare il tuo medico e dietista su questo.

Frullati FitUFO

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.